Il sindaco stoppa le lanterne volanti. «Rischio incendi»

La decisione giunge dopo il rogo innescatosi domenica scorsa in un campo del paese. Prevista una multa da 25 a 500 euro per i trasgressori

254

GRANZE. Stop alle cosiddette “lanterne cinesi volanti” e multa da 25 a 500 euro per i trasgressori. A stabilirlo un’ordinanza firmata dal neo sindaco di Granze Damiano Fusaro: su tutto il territorio comunale non sarà quindi più possibile impiegare le piccole mongolfiere alimentate da fiammelle che spesso capita di veder fluttuare nell’aria in occasione di feste private o serate ludiche di vario genere. La decisione arriva dopo l’incendio innescatosi in un campo del paese domenica scorsa, incendio (fortunatamente domato senza problemi dai vigili del fuoco) che sembrerebbe essere stato causato proprio da alcune lanterne volanti. «Ho fatto una scelta di carattere preventivo, volta a evitare spiacevoli inconvenienti e rischi inutili» spiega il primo cittadino.

L’ordinanza pone l’accento sull’ingovernabilità di questi oggetti, che «possono raggiungere facilmente appezzamenti boschivi, zone agricole o edifici privati, con l’elevato rischio di provocare incendi, soprattutto nelle stagioni estive di particolare e persistente siccità». Da qui la necessità di tutelare l’incolumità pubblica, considerata anche la presenza diffusa nel territorio di abitazioni private e aziende agricole che sarebbero esposte al pericolo e i danni ambientali che deriverebbero da un rogo. Il mancato rispetto del divieto comporterà una sanzione fino a 500 euro.

CONDIVIDI
Articolo precedenteA Este la seconda notte dello shopping
Prossimo articoloAuto piomba nel campo: due feriti
Davide Permunian
Vicentino di nascita, atestino di adozione. Classe 1993, scrivo regolarmente da quando ho 11 anni e ho collaborato a diversi progetti giornalistici. Appassionato di politica, sport, paesaggi e romanzi gialli. Mi piace scoprire nuove storie e raccontarle, portando alla luce le tante sfumature della realtà.

Lascia un commento