Scuole di Montegrotto tinteggiate a tempo di record grazie ai migranti dello Sprar

Sei ospiti del progetto per richiedenti asilo hanno volontariamente aiutato i lavori di pulizia e sistemazione nelle scuole medie "Vivaldi" e nelle elementari "Ruzzante" di Mezzavia

465

MONTEGROTTO TERME. Dopo due settimane di lavoro, le scuole di Montegrotto Terme sono pronte a iniziare il nuovo anno scolastico con i locali imbiancati e tinteggiati. Il merito va all’aiuto volontario di 6 dei 14 migranti che sono ospiti del progetto Sprar – il sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati a cui il Comune sampietrino ha deciso di aderire l’anno scorso – gestito dalla cooperativa sociale Città Solare.

«I tempi erano molto ristretti e rischiavamo di arrivare all’apertura delle scuole senza aver realizzato gli indispensabili lavori» spiega Silvio Nardo, consigliere di maggioranza e direttore dei lavori dell’iniziativa. Le attività si sono svolte nella settimana del 21 agosto nelle scuole medie “A. Vivaldi”, in quella successiva nelle scuole elementari “Ruzzante” di Mezzavia. Nel primo caso sono stati dipinti gli spogliatoi e la palestra, nel secondo è stata invece tinteggiata la mensa. In entrambi i plessi sono stati fatti piccoli lavori di pulizia e di sistemazione dei locali in vista della prossima riapertura.

«Si è trattato di piccoli lavori di manutenzione e tinteggiatura, eseguiti in totale sicurezza e per i quali non era richiesta particolare professionalità o preparazione» continua Nardo. «In questo modo è stato reso, da parte degli ospiti, un servizio gratuito alla collettività ed hanno dimostrato, ancora una volta, una notevole volontà di integrazione nel tessuto sociale del nostro paese». Quelli “scolastici” non sono gli unici lavori socialmente utili in cui verranno coinvolti gli ospiti dello Sprar: già nel corso della prossima settimana, infatti, è in programma anche la pulizia dei marciapiedi e delle aree pubbliche del quartiere Mezzavia, nei pressi della Casa Santa Chiara – in cui sono alloggiati i migranti – e della chiesa parrocchiale di san Gregorio Barbarigo.

Salva Articolo

Lascia un commento