“L’altra Este”, il candidato sindaco è Beatrice Andreose

146
(La candidata Beatrice Andreose.)
(La candidata Beatrice Andreose)

ESTE. È stato presentato anche il candidato sindaco della lista civica “L’altra Este“: si tratta dell’atestina Beatrice Andreose, giornalista, docente di diritto ed economia, laureata in Scienze Politiche e da sempre impegnata a favore dell’ambiente. Dal 2010 al 2012 è stata assessore all’Ambiente del Comune di Este e attualmente è consigliere del Parco Colli Euganei. «Siamo un insieme di persone impegnate a favore dell’ambiente, favorevoli all’accoglienza e all’integrazione dei migranti – esordisce Andreose – e crediamo in uno sviluppo diverso per questa città».

Il programma de “L’altra Este”, che correrà da sola alle prossime elezioni perché insoddisfatta della politica ambientale dell’amministrazione uscente, presenta come punti fondamentali l’ambiente, il lavoro – in particolare l’occupazione giovanile – e il turismo. «C’è bisogno di una riqualificazione urbana e bisogna dire basta con la cementificazione. Visti i recenti dati sul superamento della soglia dei PM10, crediamo sia necessario agire sulla mobilità sostenibile a partire dalla creazione di piste ciclabili. Vogliamo inoltre eliminare il parcheggio di piazzetta Trieste: le auto deturpano lo scenario. Creeremo anche maggiori aree verdi attorno a Este e nelle frazioni, che purtroppo sono state dimenticate». Andreose, inoltre, propone la creazione di un pulmino elettrico a costi ridotti che permetta il collegamento delle frazioni e dei Comuni limitrofi al centro di Este.

Per quanto riguarda l’occupazione giovanile, l’ex assessore afferma che «il vero problema è l’emigrazione dei nostri ragazzi, per questo è necessario che l’amministrazione renda disponibili spazi pubblici ai giovani, così che possano lavorare in co-working e creare start-up; è il pubblico che deve ritornare a occuparsi delle nuove generazioni e le possibilità ci sono». Capitolo cultura. La candidata avanza la proposta della residenza per artisti: «Una realtà che funziona in altre città e che potrebbe adottare anche Este, poiché garantirebbe lavoro ai giovani, in questo settore abbastanza numerosi e molto talentuosi. Porterebbe entrate economiche anche agli alberghi delle zone limitrofe e farebbe conoscere maggiormente la città. Este deve investire maggiormente sul turismo, visto che abbiamo una necropoli paleoveneta unica al mondo». Infine, la scuola, con la necessità di garantire maggiore supporto agli istituti tecnici superiori e di dilatare maggiormente i tempi pomeridiani nelle scuole elementari. «Mi auguro che ci sia un esodo a nostro favore dalla base del Pd, che dubito si possa sentire rappresentato da Stoppa, di una cultura diversa rispetto al centrosinistra», chiude Andreose parlando dell’elettorato.

Salva Articolo

Lascia un commento