De Salvo e Besenzi escono dalla maggioranza, Giunta Mortandello appesa a un filo

I due consiglieri confluiscono nel gruppo misto: «Il dialogo? un vago ricordo. L'amministrazione ha una precisa connotazione politica». Mortandello: «Finalmente un po' di chiarezza»

989
I consiglieri comunali Biagio De Salvo e Dennj Besenzi, passati dalla maggioranza al gruppo misto

MONTEGROTTO TERME. La notizia era nell’aria da tempo, ma ora è ufficiale: dopo un tira e molla durato settimane, i consiglieri comunali Biagio De Salvo e Dennj Besenzi lasciano la maggioranza e passano al gruppo misto. La Giunta del sindaco Riccardo Mortandello, dopo nemmeno un anno e mezzo di vita, è ormai appesa a un filo, anzi, a due voti. Nove, infatti, gli esponenti di maggioranza “superstiti” che siedono in Consiglio; dei restanti sette, quattro fanno parte del gruppo di opposizione “Centrodestra Montegrotto” (Alessandro Boschieri, Daiana Diaferio, Susanna Bettio e Veronica Tacchetto), mentre nel misto ci sono ora De Salvo, Besenzi e Ilaria Vegro, a sua volta fuoriuscita dalla minoranza a maggio.

In precedenza, Mortandello aveva dovuto fare i conti con le dimissioni degli assessori Massimiliano Zaramella e Martina Turlon e dei consiglieri Roberto Marcadella e Alessia Prendin. De Salvo e Besenzj fanno sapere che la decisione è arrivata «dopo aver verificato che anche il tentativo di mediazione del capogruppo Omar Turlon è stato vanificato dall’assoluta codardia politica della Giunta che ha continuato a non voler parlare con noi, rinviando un incontro chiarificatore. Il dialogo, il confronto, la condivisione sono stati tra i motivi trascinanti della vittoria elettorale. Tutto questo oramai è un vago ricordo» si rammaricano i due consiglieri.

I motivi alla base della rottura sarebbero soprattutto di carattere politico: «La Giunta Mortandello ha deciso di non essere più espressione di una lista elettorale e di un movimento civico, ma ha assunto una precisa connotazione di parte. Evidentemente coloro che non la pensano come i partiti di riferimento della Giunta stessa devono essere eliminati. Da parte nostra continueremo, lontani da logiche di partito e dogmi ideologici, ad impegnarci per l’attuazione del programma dell’originaria “Nuova Montegrotto”» promettono.

Mortandello non si scompone: «Solo ora hanno tolto la maschera e dimostrato nei fatti di seguire l’esempio del loro “padre” politico Massimiliano Zaramella, tradendo il mandato di chi li ha votati. Stretti dalle pressanti richieste di chiarire da che parte stavano, i due consiglieri hanno finalmente avuto un moto di dignità ed evitato il doppio gioco a cui li ha costretti Zaramella in questi mesi. Prendo atto della loro scelta che finalmente pone quella chiarezza che da mesi assieme alla maggioranza chiedevo» chiude il sindaco.

Salva Articolo

Lascia un commento