“Aperitivi filosofici” in Patronato Redentore

Bere lo spritz parlando di Kant: gli appuntamenti sono per il 10 novembre, il 15 dicembre e il 12 gennaio. Ad accompagnare le riflessioni gli insegnanti Michele Basso, Emiliano Brajato e Teodoro Custodero

533

ESTE. Si può parlare di Kant mentre si beve uno spritz? Non è fuori luogo “filosofare” in un bar? La risposta è “no”: alcuni dialoghi di uno dei pensatori più importanti della storia occidentale, Platone, si svolgono durante una cena. Partendo da questa antica tradizione il bar del Patronato Redentore ospiterà tre “aperitivi filosofici”. Gli appuntamenti sono per il 10 novembre, il 15 dicembre e il 12 gennaio, tutti di venerdì alle ore 19. Ad accompagnare le riflessioni saranno il professor Michele Basso (Liceo Brocchi di Bassano del Grappa), il professor Emiliano Brajato (IIS Masotto di Noventa Vicentina) e il professor Teodoro Custodero (IIS Ferrari di Este). «Ci sarà l’opportunità di dialogare e di confrontarsi con loro sui diversi temi prendendo spunto dalle sollecitazioni che verranno di volta in volta date – spiegano gli organizzatori -. Questi aperitivi saranno un modo informale per parlare di filosofia fuori dai luoghi canonici del sapere, sulle orme delle domande che secondo Kant la nostra ragione non può non porsi: cosa posso conoscere? Cosa devo fare? Cosa ho diritto di sperare?»

Salva Articolo

Lascia un commento