Al comunale di Este il Memorial “Diego Stella”, un incontro per lo sport e per la vita

116
fonte: A.C.ESTE
fonte: A.C.ESTE

Diego Stella era una grande persona, da un punto di vista umano, morale e sportivo. Non c’è nessuno nel mondo calcistico padovano, e atestino in particolare, che non conosca le sue qualità, la sua storia calcistica e che non ricordi ciò con profonda nostalgia. Purtroppo la vita, a volte, riserva brutte sorprese: Diego, all’età di 50 anni, si ammalò di cancro. A qualche mese dalla sua prematura scomparsa, Andrea Mirandola, atestino coetaneo del nostro Diego, con l’aiuto di altre persone, ha voluto far sì che la figura di Diego venga celebrata: i suoi amici e i suoi ex compagni di squadra hanno deciso di togliere le scarpette impolverate dal fatidico chiodo per scendere in campo in suo ricordo.

Per spirito di rispetto e convivialità, la società sportiva A.C. Este, in collaborazione con la A.S.D. Vigolimenese e con il patrocinio del Comune di Este, organizza il “Memorial Diego Stella”, in programma martedì 23 giugno con inizio alle 20.45 presso il Nuovo Stadio di Este. La manifestazione ha carattere benefico e l’offerta di ingresso verrà devoluta alla Città della Speranza; saranno presenti all’incontro tanti ex calciatori che circa 30 anni fa militavano nelle file dell’A.C. Este e della A.S.D. Limenese, le due società che hanno rappresentato le tappe più importanti della storia calcistica di Diego, fatta salva una parentesi nella formazione Berretti del Padova e un anno di permanenza a Cadoneghe durante il servizio militare.

Diego, nato nel 1964, era cresciuto a Carmignano di Sant’Urbano: fin dall’infanzia dimostrò grandissime capacità tecniche, facendo sognare la locale squadra calcistica. A 17 anni il suo esordio in prima squadra a Este, dove ha potuto mettere in mostra tutto il suo talento fatto di giocate imprevedibili, dribbling irresistibili e goal a grappoli. Ancora ben stampato nella memoria di ex compagni e tifosi il poker che realizzò nell’ormai lontano gennaio 1983, in un infuocato derby contro il Solesino. Anche nella sua successiva lunga esperienza alla Limenese la stella di Diego ha lasciato una traccia indelebile tra la tifoseria e gli addetti ai lavori. Diego è sempre stato definito, per il suo genio sportivo, il “Maradona della Bassa Padovana”. La stima e l’amicizia che Diego si è sempre guadagnato sul campo e fuori, sono state le motivazioni principali che hanno portato all’organizzazione di questo evento commemorativo, nel corso del quale è prevista la consegna di una targa ricordo ai genitori, Francesco e Odilla, insieme allo sorella Marilena e al cognato Gianni, che l’hanno sempre amorevolmente seguito in campo e nella vita. 

I ritmi di gioco saranno non certamente elevati per ovvi motivi anagrafici, comunque la manifestazione sarà un’occasione unica per tornare indietro nel tempo e rivivere forti emozioni sportive e umane. La speranza degli organizzatori è che la riuscita dell’evento sia assicurata anche dalla presenza di tanti spettatori. Diego, da lassù, sarà felice e soddisfatto. Perché, in fin dei conti, è proprio questo il significato dell’esistenza: lasciare qualcosa di noi al prossimo.

Salva Articolo

Lascia un commento