La nuova stagione di prosa del Teatro Farinelli è “Della stessa materia dei sogni”

Raoul Bova e Chiara Francini, Alessandro Preziosi, Paolo Calabresi e Valerio Aprea, il nuovo spettacolo di Giancarlo Marinelli: ecco il programma completo della nuova stagione teatrale

2368

ESTE. «Siamo fatti anche noi della materia di cui son fatti i sogni» recitava il Prospero di Shakespeare nel quarto atto della “Tempesta”, celebre opera scritta dal grande drammaturgo inglese tra il 1610 e il 1611. “Della stessa materia dei sogni” è anche il titolo scelto per la nuova stagione di prosa del Teatro Farinelli, nata dalla rinnovata collaborazione tra l’Amministrazione, il circuito teatrale regionale Arteven e il Teatro Stabile del Veneto. «Anche il linguaggio teatrale è quello dei sogni, delle emozioni, della creatività» ha detto il sindaco Roberta Gallana, presentando la rassegna. «Condividerlo con altri assume un significato che va al di là della pura socializzazione: significa volersi incontrare anche sul piano dei sentimenti».

La stagione si apre martedì 12 dicembre con “Due”, lo spettacolo diretto da Luca Miniero che vede protagonisti Raoul Bova e Chiara Francini, volti noti del piccolo e grande schermo, per l’occasione una coppia che decide di andare a convivere: due cuori, un centinaio di dubbi, altrettanti fantasmi e un letto dell’Ikea. Giovedì 21 dicembre la compagnia Kaos del balletto di Firenze incanterà il pubblico con la sua conturbante “Cenerentola”, sulle coreografie di Roberto Sartori e Christian Fara e le musiche di Sergej Prokof’ev e Gioacchino Rossini. Ad aprire gli appuntamenti del 2018 sarà Alessandro Preziosi, che martedì 23 gennaio presenterà il suo “Vincent Van Gogh. L’odore assordante del bianco”, scritto da Stefano Massini e con la regia di Alessandro Maggi. Una sorta di thriller psicologico sul tema della creatività artistica che lascia lo spettatore con il fiato sospeso dall’inizio alla fine.

Martedì 13 febbraio arriva un intermezzo più leggero con la “iena” Paolo Calabresi e Valerio Aprea protagonisti del simpatico “Qui e ora”, scritto e diretto da Mattia Torre. Due settimane più tardi, mercoledì 28 febbraio, la compagnia Stivalaccio Teatro completa la personale trilogia dedicata alla “nuova” commedia dell’arte con “Il malato immaginario. L’ultimo viaggio”, soggetto originale e regia di Marco Zoppello. Fra canovacci, lazzi e risate gli spettatori si troveranno immersi in un meticoloso lavoro incentrato sul teatro come mezzo di espressione e relazione.

Chiuderà la stagione l’attesissimo appuntamento del 21 marzo con “L’idea di ucciderti”, il nuovo spettacolo dello scrittore, sceneggiatore e regista atestino Giancarlo Marinelli. Sul palco due pezzi grossi del cinema italiano e internazionale come Fabio Sartor e Caterina Murino, affiancati da Paolo Lorimer, Paila Pavese, Francesco Maccarinelli e Francesca Annunziata. Un testo sul femminicidio destinato a far discutere moltissimo, dai risvolti profondi e controversi. «Sono un uomo “femminista” dalla nascita: adoro le donne, eppure, immedesimandomi nel protagonista di questa storia, quello “spettro” è affiorato» ha dichiarato lo stesso Marinelli. «Capiterà anche al pubblico che assisterà allo spettacolo. E mi odierà, e si odierà per questo. È una storia sull’amore come arma di distruzione di massa».

Accanto alla stagione di prosa del Teatro Farinelli, è stata riconfermata anche per una seconda edizione la rassegna “Teatro per famiglie” ai Filodrammatici, con quattro spettacoli domenicali presentati dalle principali compagnie del Veneto e dedicati anche ai più piccoli. Si comincia il 21 gennaio con la “Biancaneve” della compagnia teatrale “La Baracca”. Il 4 febbraio Tanti Cosi Progetti/Accademia Perduta mette in scena “La gallinella rossa”, il 18 la compagnia Alberto De Bastiani proporrà l’amatissima storia di Pinocchio. Infine, il 4 marzo Pantakin Circoteatro presenterà “Fragile. Duo poeticomico”. Tutti gli spettacoli della rassegna per famiglie iniziano alle ore 16; la vendita dei tagliandi (3 euro) inizia presso la biglietteria del teatro un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

Per quanto riguarda la stagione di prosa, invece, l’inizio dei sei spettacoli è fissato per le ore 21. Gli abbonamenti sono vendita da giovedì 16 novembre e hanno un costo complessivo di 86 euro per la platea primo settore e la galleria, di 60 euro per la platea secondo settore. I singoli biglietti hanno rispettivamente un prezzo di 19 euro per la platea primo settore e la galleria e di 13 per la platea secondo settore. Per gli under 26, i biglietti per la platea secondo settore e la galleria sono ribassati a 9 euro. Abbonamenti e biglietti sono in prevendita e vendita presso il negozio Discomagazine di piazza Maggiore (tel. 0429 3333, email discomagazine@aruba.it). I biglietti per “Due” saranno in vendita da domenica 10 dicembre; per gli spettacoli successivi la prevendita inizierà il giorno dopo lo spettacolo antecedente (www.arteven.it e www.vivaticket.it). I tagliandi rimanenti saranno messi in vendita presso la biglietteria del teatro la sera dello spettacolo a partire dalle ore 20. Tutti i posti sono numerati.

Salva Articolo

Lascia un commento