Fall Of Minerva in Russia con l’album “Portraits”

316

I Fall Of Minerva sono un complesso post-hardcore di Vicenza molto attivo nel padovano e in buona parte del Veneto. Il quintetto capitanato dal frontman Simone Dal Pozzolo – noto ai più come “Sido” – si è dimostrato particolarmente prolifico pubblicando due EP e un full lenght album nell’arco di appena cinque anni e spingendosi ben oltre il confine nazionale per le varie tournée.

Il progetto – i cui membri sono Simone Dal Pozzolo (voce), Paolo Canaglia (chitarra), Nicola Dellai (chitarra), Marco Busellato (basso) e Pietro Bigatello (batteria) – nasce nel tardo 2011 e già nel primo 2012 vede la concretizzazione dell’omonimo EP di debutto che – accompagnato dall’uscita del videoclip di “Sievert” – riscuote i primi consensi. Questo offre alla band vicentina la possibilità di girare in tutta Italia per una serie di concerti che arrivano a toccare anche l’estremo Sud della penisola, con una conseguente necessità di affacciarsi poi anche al panorama internazionale.

Nell’ottobre del 2013 la band realizza il suo secondo EP, “Seasons“, che verrà promosso con un tour in Russia, poi con altri due tour europei e con il videoclip del brano “The Lingering Agony Of An Exhausted Soul“. Durante tutto il 2015 la band si concentra sulla stesura e sull’incisione del primo full-lenght album e a novembre dello stesso anno ne annuncia l’uscita – prevista per l’anno successivo – lanciando il singolo “Träume”, il cui testo è stato scritto – in via del tutto eccezionale – in lingua italiana. Nel febbraio del 2016 esce il videoclip di “Beyond The Pines” e la band annuncia l’accordo con Basick Records (Regno Unito) per la distribuzione digitale del nuovo album “Portraits”, mentre la stampa delle copie fisiche del disco viene affidata all’italiana Overdrive.

Sido ci parla in sintesi delle recenti esperienze e dei programmi futuri – quelli anticipabili – dei Fall Of Minerva:

“Per la promozione di “Portraits” avevamo previsto due tour. Il primo – fatto subito dopo il release dell’album – in Russia per una tournée di due settimane. Siamo tornati da circa due mesi e ci portiamo ancora addosso quest’esperienza straordinaria. E’ stata una sensazione piuttosto strana per noi suonare soltanto i pezzi nuovi: per qualche live abbiamo proposto anche “The Lingering Agony Of An Exhausted Soul” ma è stato incredibile vedere come più di qualcuno conoscesse già i nuovi brani nonostante fossero stati pubblicati soltanto pochi giorni prima. Detto questo, il tour è stato estremamente stancante per via delle lunghe tratte da percorrere: ad esempio, una notte abbiamo viaggiato per 13 ore – partendo subito dopo aver terminato uno show – praticamente senza fermarci. Tuttavia siamo e saremo sempre convinti che ne sia davvero valsa la pena. Un altro tour era previsto per maggio e ci avrebbe visti girare gran parte dell’Europa in compagnia degli Amia Venera Landscape, che hanno sfortunatamente dovuto posticipare l’uscita del disco: a causa di questo imprevisto, la possibilità di fare questo tour insieme è decaduta. Grazie a Francesco di Antigony Agency – di recente la nostra agenzia di booking – siamo riusciti comunque a garantirci una manciata di date nell’Est Europa, esibendoci a Zagabria (Croazia), Ceske Budejovice (Repubblica Ceca), Graz (Austria), Lendava (Slovenia) e Budapest (Ungheria). Per l’estate 2016 abbiamo già annunciato la partecipazione al Dissonance Festival di Milano, dove suoneremo – presso il “Land of Freedom” – l’8 luglio con varie band, tra cui due di fama internazionale: gli americani Between The Buried And Me e gli inglesi Monuments.

Grazie a Simone Dal Pozzolo e ai Fall Of Minerva per la cortese disponibilità.

Salva Articolo

Lascia un commento