Montegrotto, al Mostar potrebbe sorgere un parco giochi inclusivo

Il Comune sta partecipando al bando promosso da Cariparo con un progetto da 37 mila euro. L'area individuata è nello spazio verde compreso tra le vie Aureliana, Tiberina e Giulio Cesare

2557

MONTEGROTTO TERME. Nel parco Mostar potrebbe presto sorgere un parco giochi inclusivo, ovvero un’area dove tutti i bambini, sia disabili che normodotati, potranno giocare insieme utilizzando tutte le strutture ludiche in egual misura. Il Comune sta infatti partecipando al bando con cui la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo promuove interventi per nuove realizzazioni, per l’ammodernamento o l’adeguamento di parchi gioco e spazi verdi in aree di proprietà comunale. L’area individuata sarebbe quella dello spazio verde compreso tra le vie Aureliana, Tiberina e Giulio Cesare.

L’importo richiesto è di 37 mila euro (il contributo massimo ottenibile è di 50 mila), di cui l’80% finanziato dalla Fondazione; la restante parte sarà a carico dell’ente comunale che ha già messo a bilancio la somma. «Il progetto prevede gli spazi di gioco possano essere usufruiti anche da bambini con disabilità, tenendo conto non solo delle disabilità motorie ma anche di quelle sensoriali» spiega il consigliere Omar Turlon. Nel frattempo, in questi giorni sono iniziati i lavori di sistemazione in otto parchi cittadini – Mostar, Lachina, Primo Maggio, Oriana Fallaci, Platone, via De Nicola, Zeus, Acque Patavine – per fronteggiare lo stato di abbandono in cui versavano i giochi per i più piccoli. Per l’intervento l’Amministrazione ha stanziato circa 18 mila euro.

Salva Articolo

Lascia un commento