Monselice, più ricicli più guadagni: al via l’iniziativa “Cash for trash”

121
(Un eco-riciclatore. Fonte foto: www.genitronsviluppo.com)
(Un eco-riciclatore. Fonte foto: www.genitronsviluppo.com)

MONSELICE. Sabato 9 aprile alle ore 11, con l’inaugurazione del riciclatore situato in via Roma, sotto i portici della filiale della Cassa di Risparmio del Veneto, prenderà il via il progetto Monselice Evergreen, fortemente voluto dagli assessorati all’Ambiente e al Commercio della città della Rocca. L’iniziativa, denominata “Cash for trash” (letteralmente denaro per spazzatura), permetterà ai cittadini più virtuosi nel riciclo di essere ricompensati materialmente per il loro impegno verso l’ambiente: per ogni bottiglia di plastica e ogni lattina di alluminio inserita nell’eco-riciclatore, il contenitore della raccolta differenziata, il cittadino sarà ricompensato con un centesimo, versato direttamente nel credito del suo smartphone.

Tramite l’applicazione di pagamento virtuale “2Pay“, ideata dall’azienda startup padovana Imel, sarà possibile creare nei dispositivi di telefonia mobile – iOs o Android – una sorta di conto virtuale, che sarà implementato a ogni operazione di riciclo di un centesimo per ogni bottiglia di plastica PET, tappo di plastica PE-HDPE o lattina di alluminio consegnati. Da qui si spiega il lavoro coordinato fra i due assessorati: tramite il conto sarà possibile infatti ottenere bonus e sconti nelle numerose attività commerciali, aderenti al progetto, presenti nel territorio comunale. Una mossa che, secondo gli assessori Giorgia Bedin e Andrea Parolo, avrà un doppio effetto su Monselice: da una parte punterà infatti a sensibilizzare i cittadini della città della Rocca riguardo al tema dell’inquinamento e del riciclo (tornato ampiamente di moda dopo lo scandalo Bacino Padova Tre), portandoli a prestare più attenzione nella differenziazione dei rifiuti; dall’altra tenterà, nel lungo periodo, di ravvivare l’economia delle attività che popolano Monselice, spingendo i cittadini, tramite coupon e sconti, a comprare e spendere nei negozi della città, rianimando e rendendo più vivo, di conseguenza, il turismo.

Monselice sarà quindi il primo Comune della Bassa Padovana a dare il via all’iniziativa frutto della partnership fra le aziende Eurven (produttrice del riciclatore) e la già citata Imel; il ruolo della città sarà quello di apripista dell’iniziativa di sfondo ambientalista: se avrà successo, infatti, l’iniziativa dell’eco-riciclatore sarà portata in tutti i Comuni della Provincia di Padova. L’amministrazione comunale monselicense ha più volte rinnovato l’invito all’inaugurazione del riciclatore, alla quale sarà presente l’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Roberto Marcato, oltre al sindaco Francesco Lunghi e agli assessori sopraccitati.

Salva Articolo

Lascia un commento