Ex calciatore dell’Este ucciso da un fulmine mentre fa surf in Indonesia

Tragica fine per Denis André Dasoul, che vestì la maglia giallorossa nel 2007/2008. L'ex centrocampista belga, 34 anni, è stato colpito da una saetta mentre si trovava al largo dell'isola di Bali

2301

ESTE. Tragica fine per Denis André Dasoul, ex calciatore belga di 34 anni che ha vestito la maglia dell’Este nella stagione 2007/2008. Dasoul è stato ucciso da un fulmine mentre faceva surf, passione alla quale si era dedicato una volta appesi gli scarpini al chiodo, al largo dell’isola di Bali (Indonesia). Secondo la ricostruzione della stampa locale, l’ex centrocampista stava prendendo una lezione di surf quando il cielo si è annerito e si è scatenata una violenta tempesta. Dasoul è stato colpito da una saetta – non è chiaro se avesse deciso di rimanere in acqua o se stesse cercando di guadagnare la riva – e per lui non c’è stato niente da fare.

Dasoul era nato il 20 luglio 1983 e arrivò in Italia nel 2001 dallo Standard Liegi, approdando al Perugia. A fine stagione tornò in Belgio, al Genk, senza essere riuscito a esordire in Serie A. Una parentesi di due anni in Austria nelle fila del Sw Bregenz, prima del ritorno in patria all’Anversa. Nel 2005 l’esperienza al Foggia, l’anno successivo il trasferimento all’Union St. Gilloise, infine il terzo e ultimo periodo italiano, in Serie D: prima con la maglia dei giallorossi, poi con quelle di Bolzano, Jesolo e Torres. Nel 2011, ad appena 28 anni, il ritiro dall’attività agonistica. Una carriera sfortunata, una fine altrettanto beffarda.

Salva Articolo

Lascia un commento