Centro commerciale, Benedetti (M5S): «Moro metta i bastoni tra le ruote al privato»

La deputata padovana chiede al sindaco di aumentare i vincoli fino a rendere impraticabile il progetto. «Proporsi come ufficio tecnico aggiunto per abbellire il mostro ci sembra quanto meno inopportuno»

665

DUE CARRARE. Il sindaco Moro batta un colpo contro il nuovo centro commerciale. A chiederlo la deputata padovana del Movimento Cinque Stelle Silvia Benedetti: «L’amministrazione comunale di Due Carrare potrebbe e dovrebbe lecitamente mettere i bastoni fra le ruote al tanto temuto progetto dell’ecomostro in favore di un più ampio interesse pubblico». La parlamentare pentastellata non ha dubbi: l’ipermercato che verrebbe realizzato rappresenterebbe «un’inutile e pericolosa devastazione di un territorio già troppo compromesso». Benedetti sottolinea come lo schieramento dei contrari all’opera sia trasversale e vada ben oltre il solo Comune di Due Carrare: «Ci sono sindaci, associazioni, perfino il partito di riferimento del sindaco da Roma ha avanzato serie perplessità».

Da qui l’invito rivolto al primo cittadino Moro e a tutti i consiglieri comunali a «sottrarsi dallo spianare la strada a Deda». Attacca la deputata: «L’iter che la società dovrà affrontare potrebbe trovare diversi spazi nei quali arenarsi anche facendo forza sulla possibilità di utilizzare nuove leggi in materia. Proporsi come ufficio tecnico aggiunto del privato per abbellire il mostro ci sembra quanto meno inopportuno. Se proprio il sindaco – chiude Benedetti – non vuole sottrarsi alla stipula di un nuovo accordo di programma, si dimostri coraggioso e, assieme a tecnici e consulenti che il Comune ha già abbondantemente impiegato alzi la posta in palio e i vincoli fino a rendere impraticabile il progetto».

Salva Articolo

Lascia un commento